MDW 2022 "Life Cycle - Indaco"
Event | Exhibition | Milan, Italy | 2022

Cos’è esattamente l’indaco?

Questa domanda è sorta quando ho incontrato Tadashi Higeta.
Ho visitato per la prima volta Higeta Aizome Kobo (Higeta Indigo Dyeing Studio) alla fine di giugno del 2020 su invito del fotografo Murata.
Il signor Higeta ci ha accolti personalmente all’ingresso prima di mostrarci il suo laboratorio, indicando qua e là con le sue unghie tinte di indaco. Ci ha gentilmente parlato di indaco, cotone, tintura e tecniche di tessitura, oltre che della storia antica e moderna dell’Oriente e dell’Occidente. Inoltre, ho scoperto che è lui stesso a coltivare il cotone bianco e marrone, a filarlo, a tesserlo con un dispositivo di tessitura e ad applicare la tintura, il tutto in questo stesso laboratorio.

Da allora, ogni volta che ho visitato il signor Higeta, mi sono reso conto che c’è una quantità schiacciante di cose a me sconosciute.
La tintura con indaco è praticata in tutto il mondo, risalendo al periodo dell’antico Egitto e, in Giappone, al periodo Yayoi (500 a.C.~300 d.C.). Questo dimostra che la tintura con l’indaco era realizzata interamente con materiali naturali, comprese le piante utilizzate per il colore indaco e il tessuto, nonché la colla usata per la tintura dei motivi.

Tuttavia, se guardiamo ai giorni nostri, la maggior parte delle tinture, comprese quelle dell’indaco, sono tinture chimiche derivate dal petrolio, e si dice che in alcuni casi vengano utilizzate persino nei tessuti di cotone biologico.

L’incontro con il signor Higeta mi ha permesso di ampliare la mia consapevolezza non solo del denim che indosso ogni giorno, ma anche dell’origine e della destinazione di tutto ciò che riguarda il mio lavoro e la mia vita quotidiana.

L’indaco è profondamente radicato nelle nostre vite fin dall’inizio della storia registrata.
L’ignoranza non è una scusa per questo e sembrerebbe per molte altre cose…

6 maggio 2022
Yuichi Tamaru, CEO Green Wise 

Foto | Noboru Murata